L'odontoiatria conservativa (branca dell'odontoiatria restaurativa) si occupa della cura dei denti cariati, delle procedure per l'eliminazione della carie e di quelle relative alla chiusura delle cavità risultanti dall'eliminazione dello smalto e della dentina cariata.

La carie è un processo che porta a perdita progressiva di calcio ed alla distruzione dei tessuti duri del dente. Le cause che portano a tale malattia non sono ancora del tutto note, ma nel processo di formazione svolge un ruolo determinante la placca batterica costituita da batteri che, mescolati a saliva e a microscopici residui di cibo, trovano un ottimo "terreno di coltura" per svilupparsi e, in concomitanza con il contatto a sostanze zuccherine, produrre acidi che attaccano il rivestimento del dente. La barriera dello smalto viene così in una prima fase decalcificata (macchie opache e scure) poi da questa erosione indolore parte successivamente l'aggressione dello strato più interno del dente chiamato dentina e di seguito della polpa ricca di terminazioni nervose che provocano forti dolori.

La penetrazione della carie negli strati più interni del dente porta:

  1. Aumento della sensibilità al caldo e al freddo
  2. Aumento della sensibilità alle sostanze acide e dolci
  3. Aumento della sensibilità alle pressioni esterne (in caso di penetrazione della polpa si avranno forti dolori anche senza sollecitazione esterna)

L'attacco acido raggiunge il picco massimo nei primi dieci minuti dopo il pasto e la fermentazione batterica è particolarmente attiva durante la notte. Per questi motivi è importante ricordarsi di lavare i denti subito dopo ogni pasto, con particolare cura alla sera. Nella cura dei denti cariati l'uso delle "vecchie" amalgame d'argento è stato oramai sostituito da materiali compositi che, per le loro specifiche caratteristiche, simulano perfettamente sia nel colore che nella luminosità il dente naturale. In questo modo si interviene non solo a livello curativo ma anche a livello estetico. Il termine conservativa indica quindi l'obiettivo di tali cure: conservare i denti altrimenti distrutti dalla carie.